Lanterne

ASSOCIAZIONE LANTERNE

 

L’associazione, denominata “LANTERNE” è sorta dall’esigenza di recuperare i fondamentali valori umanistici che la società, e di conseguenza l’individuo, ha pericolosamente smarrito. Le LANTERNE sono le parole e i pensieri che grandi donne e uomini ci hanno donato e che, in ogni tempo e luogo, continuano a farlo attraverso i libri e le testimonianze di vita. Queste LANTERNE illuminano il cammino dell’umanità verso la luce, il bene e la fratellanza universale. La conoscenza, la cultura, la riflessione, il dialogo, la democrazia devono essere gli obiettivi che una comunità deve perseguire per costruire una società migliore e del bene. Occorre dimostrare che certi valori, come il buono, il vero e il bello, non sono solo una questione di gusti e opinioni personali, ma che sono anzi profondamente radicati nell’esistenza umana e, pertanto, eterni ed universali.

Abbagliato dalla prospettiva del benessere economico, l’uomo moderno si è reso sempre più alieno a se stesso, dimenticando i suoi reali bisogni e offrendosi passivamente alla strumentalizzazione della modernità e della tecnologia, che lo ha trasformato in un uomo-massa-consumatore. L’individuo contemporaneo non solo è incapace di pensare da sé, ma è ignaro finanche dei suoi stessi desideri. Occultamente persuaso, egli non fa altro che soddisfare, con una regolarità impressionante, desideri indotti, con il fine di produrre per accumulare. Privato della capacità di desiderare coscientemente, l’uomo moderno ha smarrito la strada del senso e del significato, entrando in conflitto con essa e palesando, in tal modo, un’impotenza spirituale e una fragilità esistenziale che rendono tenebroso il futuro dell’umanità. Convinti che l’unico strumento efficace per restituire l’uomo a sé stesso sia la conoscenza, intesa come momento di riflessione e di introspezione, di aggregazione spirituale e di unificazione etica, l’associazione “LANTERNE” si propone di operare nel campo delle Arti e delle Scienze attraverso un costante lavoro di ricerca, di comunicazione e di critica; si prefigge di promuovere e organizzare manifestazioni, progetti ed eventi culturali; si propone di realizzare conferenze e dibattiti sui temi di attualità e di maggior interesse sociale; si prefigge di realizzare scambi culturali nazionali ed internazionali; intende, inoltre, promuovere, corsi di informazione e formazione culturale e di educazione permanente.

L’associazione LANTERNE è apartitica e non ha fini di lucro.

 Sede: Santeramo in Colle (BA) – Via San Leonardo n. 11

Contatti: associazionelanterne@gmail.com

Unisciti al nostro canale Telegram, clicca qui >  https://t.me/lelanterne

 

Quando la strada della vita diventa buia e difficile, è importante dotarsi di lanterne che ci consentono di illuminare il nostro cammino per ritrovare la via della speranza e smettere di avere paura.

Queste lanterne sono le parole e i pensieri che grandi donne e uomini ci hanno donato e che, in ogni tempo e luogo, continuano a farlo. Sono quelle idee che possono sconvolgere e nello stesso tempo acquietare la nostra esistenza. Sono quei germogli che, trovando terreno fertile, possono trasformarsi in profumati fiori.

Non dobbiamo far altro che aprire la porta della nostra vita e lasciarli entrare.

Di seguito alcune di quelle lanterne.

Erich Fromm

Erich Fromm

“Soltanto un umanesimo completamente diverso e radicale, che si identifichi essenzialmente con la vita e con l’umanità, può esercitare un influsso contro la guerra”
Primo Levi

Primo Levi

“E’ avvenuto, quindi può accadere di nuovo: questo è il nocciolo di quanto abbiamo da dire”
Socrate

Socrate

“Concedetemi di diventare bello di dentro, e che tutte le cose che ho di fuori siano in accordo con quelle che ho dentro. Che io possa considerare ricco il sapiente e che io possa avere una quantità di oro quale nessun altro potrebbe né prendersi né portar via, se non il temperante”
Gesù

Gesù

“Che giova infatti all’uomo guadagnare il mondo intero, se poi perde la propria anima?”
Gandhi

Gandhi

“Sii il cambiamento che vuoi vedere avvenire nel mondo.”
Simon Weil

Simon Weil

“Solo i folli e i poveri, con assoluta limpidezza di sguardo, contemplano la verità del mondo e ne colgono tutto lo splendore”
Albert Schweitzer

Albert Schweitzer

“L’uomo non troverà la pace interiore finché non imparerà ad estendere la sua compassione a tutti gli esseri viventi”
Aleksandr Solzenicyn

Aleksandr Solzenicyn

“Anche se la menzogna ricopre ogni cosa, anche se domina dappertutto, su un punto siamo inflessibili: che non domini per opera mia!”
Karl Jaspers

Karl Jaspers

“Quando la fiducia in ciò che appare ed è dato nel mondo non sostiene più la vita, è la fiducia nell’origine di tutto che deve porre le fondamenta”
Chiara Lubich

Chiara Lubich

“Amare tutti, amare per primi”
Sergio Caldarella

Sergio Caldarella

“Bisogna potersi appoggiare gli uni agli altri, far sì che i pensieri, le idee, le parole belle e buone passino di bocca in bocca, di testa in testa, fino ad infuocare il cielo con le luci di un’alba di conoscenza e vita”.
Dietrich Bonhoeffer

Dietrich Bonhoeffer

“In un cuore ben coltivato deve esserci posto sia per la preoccupazione sia per la gioia”.
BLOG

Articoli e approfondimenti

La costituzione Italiana. Il volto della Repubblica / Articolo 2

  La Repubblica riconosce e garantisce i diritti inviolabili dell’uomo, sia come singolo sia nelle formazioni sociali ove si svolge la sua personalità, e richiede l’adempimento dei doveri inderogabili di solidarietà politica, economica e sociale.  Nell’articolo 2 si parla di diritti «inviolabili»: e questo aggettivo fu scelto dalla prima Sottocommissione fra i molti proposti: imprescrittibili, […]

La costituzione Italiana. Il volto della Repubblica

PREAMBOLO E ARTICOLO 1 Leonardo Sciascia (in una intervista facilmente reperibile su You Tube) diceva: «Lo Stato, per me, è la Costituzione e la Costituzione non esiste più. Non esiste più nel senso tecnico. Io l’ho sempre pensato che la Costituzione si fosse dissolta …» facendo riferimento al libro di Mario D’Antonio «La Costituzione di carta», edito da Giuffrè […]

La necessità di ribadire l’ovvio

Quando l’Imperatore Giustiniano compì la prodigiosa codificazione del suo “Corpus Juris” e pubblicò come legge del suo Impero quella che doveva poi essere la legge di tutto il mondo civile, nel tempo stesso vietò severamente la pubblicazione di libri che servissero ad interpretazione o commento del suo Codice immortale, prescrivendo al giudice, in caso di […]

Illuminare
il cammino

background-lantrner3